Recupero di un nome a dominio con richiesta di riassegnazione

Impresa

Azienda che negli anni ’80 ha brevettato una specifico sistema di cottura. Questa innovazione ha incontrato nel tempo un grande successo, arrivando ad oggi ad essere diffusa in più di 85 paesi del mondo.

Il contesto

Data la diffusione del proprio brand a livello mondiale, la sua protezione tramite registrazioni di marchi e di nomi a dominio sono sempre state attività centrali nella strategia di tutela della Proprietà Industriale del azienda.

Il caso

Nel corso degli anni alcuni distributori hanno registrato a proprio nome i nomi a dominio corrispondenti al marchio dell’azienda nelle estensioni dei rispettivi Paesi, collegando ad essi i relativi siti internet.
Questo è avvenuto fino a quando l’azienda ha ritenuto opportuno intestarli a proprio nome e ottenere la gestione diretta del proprio portafoglio nomi a dominio, per risultarne a tutti gli effetti il titolare e poterli gestire in autonomia.
Nel farlo si è imbattuta nella resistenza dell’ex distributore per il territorio francese, ora distributore di prodotti concorrenti, che si rifiutava di cedere la gestione del nome a dominio nell’estensione .fr, registrato a proprio nome nonostante fosse corrispondente al marchio dell’azienda.

La soluzione

Dall’analisi effettuata del portafoglio marchi dell’azienda e tenendo contro dell’assenza di diritti della controparte e dei rapporti intercorsi in passato tra i due soggetti, è stato scelto di attivare presso il registro AFNIC, che gestisce l’estensione dei nomi a dominio .FR, una procedura di riassegnazione di nome a dominio.
Tale procedura amministrativa permette al richiedente di ottenere la riassegnazione di un nome a dominio a proprio nome qualora riesca a provare la sussistenza di tre condizioni: di vantare diritti in relazione al nome a dominio contestato; l’assenza di diritti sul nome a dominio contestato da parte dell’attuale titolare dello stesso; la malafede nella registrazione e nell’uso del nome a dominio contestato da parte dell’attuale titolare.

Il risultato

La richiesta di riassegnazione è stata accolta, essendo state dimostrate le tre condizioni necessarie, e il registro AFNIC ha provveduto a riassegnare il nome a dominio contestato a nome del azienda affidandogli anche la gestione dello stesso.

Questo risultato ha consentito di collegare il proprio sito internet a tale nome a dominio, migliorando la propria presenza istituzionale su internet, aumentando la propria visibilità sul territorio francese, eliminando il rischio di confusione con i prodotti dei concorrenti precedentemente pubblicizzati tramite un nome a dominio corrispondente al proprio marchio, evitando quindi anche perdite di potenziali clienti.

Vuoi valorizzare e proteggere il tuo marchio?

Ti aiutiamo a tutelare il tuo valore intangibile e ottenere un concreto vantaggio competitivo

Altri casi

Tutela del prodotto: marchio o design?
La protezione per essere ampia e completa può prevedere sia la tutela come marchio del nome di un liquore e della sua etichetta, sia la tutela come modello per la forma della bottiglia, comprensiva di etichetta, senza includere il marchio.
Marchio collettivo come forma alternativa di protezione della DOC negli USA
Registrazione delle Indicazioni Geografiche come marchi collettivi per sviluppare la presenza commerciale negli Stati Uniti
Monitoraggio della presenza di marchi e prodotti contraffatti sui social network
Il servizio di sorveglianza permette di intercettare marchi simili ai propri depositati da terzi sia in buona fede che palesemente in mala fede.
Servizio di sorveglianza: occhi aperti sul mondo 24 ore su 24
Il servizio di sorveglianza permette di intercettare marchi simili ai propri depositati da terzi sia in buona fede che palesemente in mala fede.
Contraffazione di marchio, concorrenza sleale e look alike
Diffida notificata tramite ufficiale giudiziario per tutelarsi da casi di contraffazione di marchio, concorrenza sleale e look alike
Monitoraggio del proprio marchio sui market place e rimozione degli annunci non autorizzati
Monitoraggio del proprio marchio sui marketplace e rimozione degli annunci non autorizzati
Condividi su