Marchio collettivo come forma alternativa di protezione della DOC negli USA

Impresa

Il Consorzio di Tutela del Vino riunisce un gran numero di produttori di pregiati vini ed è incaricato di controllarne la produzione e di promuoverne e tutelarne l’identità e la reputazione nell’Unione Europea e nel resto del mondo.

Il contesto

Nell’Unione Europea le Indicazioni Geografiche sono un titolo di proprietà intellettuale sui generis – a carattere collettivo e impersonale – e rappresentano un importante strumento di valorizzazione dei prodotti alimentari tipici, dei metodi di produzione, nonché delle caratteristiche intrinseche di una regione o di un particolare territorio. Le Indicazioni Geografiche operano a vantaggio dei produttori, che investono ingenti risorse nella loro attività, e dei consumatori, che vedono tutelata la loro capacità di scelta al momento dell’acquisto.
Al di fuori dell’Unione Europea non è sempre garantito ai prodotti tipici, specie se importati, lo stesso livello di tutela proprio del sistema europeo. Pertanto, l’Unione perfeziona accordi internazionali con Paesi terzi al fine di ottenere la garanzia di un’adeguata protezione per i propri prodotti negli altri mercati e per il mutuo riconoscimento delle Indicazioni Geografiche. Un esempio è l’Accordo sugli Aspetti Commerciali dei Diritti di Proprietà Intellettuale (meglio noto tramite l’acronimo inglese TRIPs).

Il caso

Per i produttori di vino gli Stati Uniti rappresentano un mercato di primaria importanza tale da richiedere una strategia di rafforzamento per superare i limiti della tutela garantita dalla legislazione statunitense in materia, sulla base del TRIPs.

La soluzione

Da un’approfondita attività di studio e analisi della legislazione statunitense in materia di Indicazioni Geografiche e grazie anche alla sinergia con i nostri partner americani, la migliore strategia è risultata essere la registrazione delle Indicazioni Geografiche come marchi collettivi statunitensi.
Il marchio collettivo, negli Stati Uniti come nell’Unione Europea, è un particolare tipo di marchio che informa il pubblico di consumo circa l’appartenenza di un operatore economico ad un circuito chiuso e regolamentato – nel caso di specie i produttori di vini di questo Consorzio – e, per questa sua particolare caratteristica, è stato ritenuto lo strumento più idoneo alle esigenze del Consorzio.

Il risultato

L’ottenimento della registrazione come marchio collettivo consente alle imprese produttrici di vino di questo Consorzio di sviluppare la propria presenza commerciale negli Stati Uniti con un ulteriore vantaggio competitivo, qualificando e tutelando l’identità e la provenienza dei propri vini sul mercato e generando valore per l’intera filiera, dal produttore, al Consorzio, all’importatore fino al consumatore finale.

Vuoi valorizzare e proteggere il tuo marchio?

Ti aiutiamo a tutelare il tuo valore intangibile e ottenere un concreto vantaggio competitivo

Altri casi

Dal palco al web: strategia di tutela dei nomi a dominio
Gestione integrata del portafoglio di nomi a dominio e strategia di difesa online per proteggerti da insidie e pericoli del web.
Marchio copiato in Cina: è possibile difendersi dalla malafede
Tutela del proprio marchio copiato in Cina da soggetti in malafede che mirano a trarre vantaggio dalla sua registrazione
Marchio: la diffida a difesa dei diritti di esclusiva
Valutazioni del rischio e scelta dell'azione più opportuna per difendere il marchio con una strategia di tutela efficace
L’importanza delle ricerche di anteriorità per i marchi: scelta strategica del naming
Rischio di investire su un marchio non tutelabile e scelta di un naming legalmente distintivo, unico e potenzialmente registrabile
Opposizione respinta se il marchio anteriore non ha prove d’uso sufficienti
Durante la procedura di opposizione la richiesta di provare l’uso del marchio anteriore può fare una differenza sostanziale
Sentinelle online e rimozione di marchi confondibili
Le azioni di online brand protection hanno consentito di difendere il marchio ed eliminare la presenza online del marchio del competitor
Marchio geografico nel settore vino e distillati
La tutela di un marchio geografico richiede una valutazione particolarmente attenta e può essere influenzata da diversi fattori
Strategie per tutelare il know-how
Il know-how costituisce un vero e proprio bene immateriale aziendale che è importante tutelare e valorizzare nei rapporti con terzi
Solo slogan pubblicitario o anche marchio?
Lo slogan può essere protetto in via esclusiva e diventare non solo veicolo di un messaggio commerciale ma anche marchio aziendale
Tutela del prodotto: marchio o design?
La protezione per essere ampia e completa può prevedere sia la tutela come marchio del nome di un liquore e della sua etichetta, sia la tutela come modello per la forma della bottiglia, comprensiva di etichetta, senza includere il marchio.
Condividi su